Tukikohta.info

Tukikohta.info

E legale scaricare film da internet per uso proprio

Posted on Author Akigar Posted in Internet

  1. Navigazione principale
  2. File sharing: l’uso personale non è reato
  3. Barra di navigazione principale
  4. Lo streaming è legale?

Dalla rete musica. Streaming e diritto d'autore, ecco quando è legale scaricare file da internet. mano che tiene tablet guardando film in streaming. Avv. Iolanda. Mettere a disposizione in Rete film o musica e guadagnarci sopra (i siti dal quali si possono scaricare illecitamente i files e che spesso si E metterlo in commercio in modo illegale significa che lui non ci guadagna nulla e il pirata sì. Che se scarico un file da Internet per uso personale, me lo tengo per. Dello streaming illegale di film e telefilm, del download di brani musicali, Il solo fatto di scaricare e utilizzare il file per uso personale, come emerge, seppur per pochi euro e liberamente scaricabili sul proprio e-reader.

Nome: e legale scaricare film da internet per uso proprio
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 58.16 Megabytes

Scarica l'articolo in. La materia è disciplinata dalla legge n. La legge n. In primo luogo, pensiamo ad un soggetto che esegua il download di un file come ad esempio una canzone o una puntata di una serie televisiva — protetto da copyright — per poterne usufruirne personalmente. Tale comportamento renderebbe minime o annullerebbe del tutto le possibilità di guadagno derivanti dalla commercializzazione del prodotto da parte del titolare.

Emule, bittorrent, utorrent ecc.

Cos'è che possiamo scaricare da internet senza paura? Quali rischi corriamo se scarichiamo illegalmente? Questi sono solo alcuni dei quesiti ai quali risponderemo ma andiamo per gradi. Per prima cosa vediamo cosa dice la legge. Che cos'hanno in comune?

Navigazione principale

Riguardano tutti lo stesso argomento: scaricare file da internet. Legge 22 aprile , n. È punito, se il fatto è commesso per uso non personale, con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 2.

È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da da euro 2. Al comma 1 dell'art.

File sharing: l’uso personale non è reato

Considerazioni Come potete vedere la legge qui sopra è molto chiara, parla di una pena da uno a quattro anni di reclusione e una multa fino a euro per chi "pirata" qualsiasi cosa protetta da diritto d'autore. Fino a quando nel la legge urbani non è entrata in vigore si correva il rischio di essere puniti se, di fatto, si vendeva materiale scaricato o acquisito in altro modo.

Questi due termini sembrano uguali ma hanno una sostanziale differenza. A causa del cambiamento di questa dicitura chi scarica un mp3 rischia quattro anni di galera e una multa di euro.

Questa è la legge. Ma che dire dei programmi che servono per scaricare file?

Barra di navigazione principale

Se scaricare è illegale perchè esistono? I programmi di file sharing I software di file sharing o peer to peer a volte abbreviato p2p sono moltissimi, tanti quanti sono i metodi per condividere i file tra questi possiamo citare Emule, utorrent ecc Andiamo con ordine!

Cosa si rischia a guardare contenuti in streaming illeciti? Attraverso aggiornamenti e successive modifiche riesce a regolare ancora oggi la fattispecie.

Lo streaming è legale?

La pena pecuniaria è di Le pene previste sono salate e le possiamo parificare sostanzialmente al gestore del servizio di cui vi abbiamo accennato più sopra.

Inoltre il rischio è maggiore in quanto si potrebbe essere identificati attraverso il proprio indirizzo IP. In questo caso le sanzioni vanno da 2. Quello che si evince è che soltanto chi effettua il download del contenuto rischia seriamente qualcosa.

Anche qui è tutto da vedere, perché un conto è scaricare un paio di file al mese, altro discorso è il download di migliaia di contenuti. La legge quindi è chiara per la fattispecie del P2P ma non prevede praticamente nulla per chi si collega ad un sito e fruisce di contenuti a scopo personale.

In conclusione possiamo dire che chi si collega a siti di streaming illegali e guarda un contenuto senza effettuare il download sul PC e senza quindi condividerlo, non è passibile di alcuna sanzione, proprio perché non esiste alcuna norma di legge che regoli tale comportamento.

Infatti, utilizzando siti di dubbia provenienza, spyware o adware potrebbero installarsi senza che neanche ce ne accorgiamo.


Articoli simili: